Filosofia    Il sistema di riproduzione    Il sistema di registrazione    La Ricerca AVS    I Sistemi AVS
Caratteristiche tecniche    Rassegna Stampa


Il software AVS

Il sistema di registrazione
La sfera di Salis
 
Per la piena realizzazione della filosofia AVS occorreva una profonda innovazione non solo nel "modo" di riprodurre la musica, ma anche nelle tecniche di registrazione del suono.
Anche con le migliori registrazioni, infatti, la percezione di una differenza tra il suono riprodotto e quello che normalmente udiamo come suono "vero" (il suono del mondo/ambiente intorno a noi) è ancora avvertibile: ciò dipende dall'assenza nel software convenzionale di importanti microinformazioni e delle "informazioni fantasma" relative ai gradienti prospettici e all'effetto cinetico di profondità.
Tutte queste informazioni sonore vengono registrate dal modello AVS di ripresa del suono.
Inoltre le registrazioni convenzionali generalmente non rispettano i rigorosissimi standard qualitativi e i processi di trasferimento del segnale in sede di mastering previsti per il mantenimento delle informazioni AVS.
Il sistema di registrazione è stato per il momento messo a punto per la ripresa di suoni in un qualsiasi contesto concreto (utilizza delle capsule microfoniche Shoeps modificate AVS, oltre a particolari accorgimenti meccanici, di posizionamento ed elettronici) e consente il riversamento delle informazioni sonore su soli due canali: in tal modo tutte le registrazioni eseguite secondo il modello AVS possono essere commercializzate su qualsiasi supporto stereofonico (CD, LP, DAT, Laserdisc, DVD, etc) e sono compatibili al 100% con qualsiasi impianto stereofonico. > Downloads

Peculiarità:

 campo sonoro che si articola fino al punto di ascolto (nei casi migliori anche appena dietro    l'ascoltatore) e si "apre" a 180 fronte ad esso con sistemi stereo;
2. maggiore sensazione di ariosità del campo sonoro;
3. netto incremento delle microinformazioni senza alcuna compressione della dinamica;
4. netto incremento dei contrasti dinamici, identici all'evento reale;
assoluta coerenza timbrica tra tutti gli strumenti per qualunque livello di pressione sonora in registrazione (in particolare ciò si nota con le voci liriche, che quando eseguono un "forte" non tendono ad indurirsi);
6. totale controllo della gamma bassa (assenza di risonanze, distorsioni e rigonfiamenti);
maggiore senso di realismo generale della riproduzione, relativamente indipendente dalla risposta in frequenza del sistema;
minore distorsione generale, che si manifesta con un senso di benessere all'ascolto anche ad altissimi livelli di pressione sonora.

Tali differenze, sempre presenti rispetto a registrazioni convenzionali e audiophile, sono più o meno evidenti a seconda di quanto il sistema di riproduzione si avvicina agli standard (AVS Certification Standards) previsti per riprodurre tali effetti.



Campo sonoro creato da un sistema stereo che rispetta le caratteristiche tecniche previste dallo standard AVS nella versione stereofonica.
Il campo sonoro teorico si sviluppa fino al punto di ascolto e "apre" di fronte ad esso di 180° con registrazioni AVS.
 
Back
AVS_-_La_Filosofia_progettuale.htmlAVS_-_Il_sistema_di_riproduzione.htmlAVS_-_La_Ricerca.htmlAVS_-_I_sistemi_audio.htmlAVS_-_Caratteristiche_tecniche.htmlAVS_-_Rassegna_stampa.htmlAVS_-_Software_Audio_3D_per_Mac.htmlhttp://www.avs-sound.org/AVS_-_Downloads.htmlAVS_-_Software_Audio_3D_per_Mac.htmlAVS_-_Software_Audio_3D_per_Mac.htmlshapeimage_1_link_0shapeimage_1_link_1shapeimage_1_link_2shapeimage_1_link_3shapeimage_1_link_4shapeimage_1_link_5shapeimage_1_link_6shapeimage_1_link_7shapeimage_1_link_8shapeimage_1_link_9shapeimage_1_link_10